UN POETA

14 Maggio 2010 Commenti chiusi

voloJacques Prevert, nasce a Neuilly-sur-Seine nel 1900 ed è uno dei Poeti Francesi più popolari del XX secolo.
Giovanissimo conosce André Breton, Raymond Queneau e i surrealisti ed entra a far parte di questo gruppo, interessato dall’arte populista.
Nel 1928 si discosta da questi e frequenta il Groupe Octobre, una compagnia teatrale di sinistra.
La sua fama è però dovuta alla produzione poetica, dove Prévert dà libero corso all’immaginazione insolita in uno stile vicino alla lingua parlata e alla vita quotidiana.
I suoi temi preferiti sono l’amore, la libertà, il sogno e la fantasia, la compassione, l’umorismo, la satira contro i potenti, l’avversità per l’oppressione sociale.

P.S. (o C.C.):
Ho visto in 1 sito Internet che degli IMBECILLI hanno “censurato” 1 frase di Prevert…
Ecco che da Persona Libera ho postato questa OPI…

GRAZIE.
Eccovi tre sue Poesie:

Per te amore mio
Sono andato al mercato degli uccelli
E ho comprato uccelli
Per te
amor mio
Sono andato al mercato dei fiori
E ho comprato fiori
Per te amor mio
Sono andato al mercato di ferraglia
E ho comprato catene
Pesanti catene
Per te
amor mio
E poi sono andato al mercato degli schiavi
E t’ho cercata
Ma non ti ho trovata
amore mio.

I ragazzi che si amano
I ragazzi che si amano si baciano in piedi
Contro le porte della notte
E i passanti che passano li segnano a dito
Ma i ragazzi che si amano
Non ci sono per nessuno
Ed è la loro ombra soltanto
Che trema nella notte
Stimolando la rabbia dei passanti
La loro rabbia il loro disprezzo le risa la loro invidia
I ragazzi che si amano non ci sono per nessuno
Essi sono altrove molto più lontano della notte
Molto più in alto del giorno
Nell’abbagliante splendore del loro primo amore

Tempo perso
Davanti alla porta dell’officina
l’operaio s’arresta di scatto
il bel tempo l’ha tirato per la giacca
e come egli si volta
e osserva il sole
tutto rosso tutto tondo
sorridente nel suo cielo di piombo e
strizza l’occhio
familiarmente
Su dimmi compagno Sole
forse non trovi
che è piuttosto una coglionata
offrire una simile giornata
a un padrone?

Categorie:Argomenti vari Tag:

Re-Member !!!???

30 Gennaio 2010 3 commenti
Categorie:Primo piano Tag:

KONKALMA…

13 Novembre 2009 1 commento
Categorie:Teatro Tag:

One Kiss :-)))

27 Settembre 2009 1 commento
Categorie:Argomenti vari Tag:

Pj nu’ pjlo !!!???

27 Settembre 2009 1 commento

Cosa può accadere per: " un pelo" ?
Nel villaggio dei conigli bianchi, l’ultima figliata porta con sorpresa un coniglietto, con un ciuffetto di peli neri sulla fronte.
Ciò è causa di discriminazione nei confronti del coniglietto che viene ignorato da tutti i conigli bianchi grandi e piccoli.
Vivendo con sofferenza tale situazione, il povero coniglietto cerca il conforto della parola del Grande Coniglio Saggio, il quale trova anche la soluzione al problema:
"Guarda…dice al coniglietto…che tu per tornare identico a tutti gli altri conigli, devi tagliare questo triangolino di peli neri, ciò ti restituirà l’amicizia e l’affetto dei conigli banchi."
Per ottenere questo risultato, devi recarti ai binari del treno e, quando questo passa, poggia sul binario il ciuffo che il treno taglierà!
Felice il coniglietto si avvia e proprio in quel momento sente il fischio del treno in arrivo.
Corre, allora, e per la fretta mette sul binario non il ciuffo, bensì il collo e il treno gli stacca la testa.
Quì finisce la storia, che magari non è divertente, ma ha una sua morale:
"Spesso per un triangolo di peli neri si può perdere la testa"

Categorie:Gossip Tag:

Federico del Sagrado Corazón de Jesús García Lorca

2 Aprile 2009 2 commenti

Federico del Sagrado Corazón de Jesús García Lorca, nasce il 5 giugno 1898 a Fuente Vaqueros
Lorca viene ucciso dai Falangisti il 19 agosto 1936, e gettato in una tomba senza nome nei dintorni di Víznar , vicino Granada.

Prosegui la lettura…

Categorie:Argomenti vari Tag:

Purus Mathematicus purus asinus = Puro Matematico, puro asino…

25 Febbraio 2009 Commenti chiusi

Purus Mathematicus purus asinus = Puro Matematico, puro asino…
E’ 1 detto la-tino, qui post, per far goder chi vuol goder…
E’ noto (non silvio) che chi non sa veder oltre i con-Fini della propria disciplina perde il contatto con la realtà, con la vita di tutti i Dì…
E’ jss, ess & ‘o malament Prigioniero delle astrazioni teoriche, rischiando, per guardare troppo in Alto, di non veder dove mette i piedi…
1 noto comico come Marcello Marchesi, in 1 suo epigramma intitolato:
Il dramma del tecnico, scrisse:
"Capire un tubo
E non capire
Altro"
Tale assunto vale pure per i miei de-trattori della "nota" Accademia della Crusca:
Purus Grammaticus Purus Asinus = Puro Grammatico, Puro Asino…
1 a 1 palla al: Centro…
Gennarì la vita è 1: Palla…
1 Dì a Forlì, o giù di lì, 1 Grammatico chiese ad 1 barcaiolo di portarlo dall’altra sponda del fiume…
Mentre il barcaiolo remava, il Grammatico chiese a costui:
Sai "tu" la Grammatica ?
No, rispose il barcaiolo, aggiungendo: non sono mai andato a scuola …
Che peccato, replicò il Grammatico, metà della" tua" vita è andata perduta…
Giunti in mezzo al fiume, si scatenò 1 furioso temporale e le onde paurosamente ingrossate rovesciarono la barca….
Sai nuotare? Gli domandò il barcaiolo…
No, gemette il Grammatico…
Peccato. Gli rispose il barcaiolo, Tutta la Tua Vita è Perduta…
Turris Eburnea è la Torre d’Avorio in cui i saccenti & buongarzoni vivono in volontario e sdegnoso isolamento, in cui pseudo-intellettuali si rinchiudono, evitando i contatti con la realtà esterna, per "secondo costoro" meglio dedicarsi alla Studio della ricerca: du pilo inti l’ovo = del pelo nell’uovo…

Categorie:Primo piano Tag:

Le Vie di “lor signor” sono: Finite !!!???

7 Febbraio 2009 1 commento

IN MEDIO STAT VIRTUS = La Verità sta nel mezzo…
Lo disse Aristotele, lo ripeterono gli scolsatici medievali…
NE QUID NIMIS = Nulla di Troppo…
Sta scritto nel Tempio di Apollo a Delfi…
La Virtù rifugge dagli Ec-Cessi e dagli Opposti Estremismi…
1° ) Il "Parsimonioso" che esagera cade nel "vizio" dell’Avarizia…
2° ) Il Generoso che eccede cade nel "viziio" Contrario, lo Sperpero e la Dissipazione…
3° ) Il Taciturno dica ogni tanto qualche Parola, sennò lo giudicano 1 musone…
4° ) Il "Piacevole convesatore" sappia al momento opportuno, Tacere, altrimenti diventa Insopportabile…
5° ) Il Servizievole, se non si controlla, scivola nell’Adulazione…E se si controlla troppo, passa per 1 Asociale, Sgarbato & Presuntuoso….
AUREA MEDIOCRITAS….
Son solo 1 nick Fuj-Turista…
E che Turista ???? :-) ))))).
P S & C C :
AUT AUT …
Sono i 2 corni di 1 dilemma : O …O…
Ed 1 esclude l’altro…
Dare ad 1 Nick l’Aut Aut vuol dire Obbligarlo a 1 scelta fra 2 possibbilità:
O continuar a scriver : Opi…
O non continuar a sciver : Opi…
N B :
Nei Telegrammi si scrive : AUT….
In sostituzione di : O ….
Per Evitare che questa Vocale, " Isolata", Subisca Errori di : Trasmissione….
Domani E’ 1 Altro: Giorno !!!???
 

Prosegui la lettura…

Categorie:Internet Tag:

Cosa mi tocca fare, 1 Analisi da Matematico sulla: Stupidità ???

16 Settembre 2008 3 commenti

Cosa mi tocca fare, 1 Analisi da Matematico sulla: Stupidità ???
L’analisi della stupidità può far parte di 1 più estesa area di studio sui motivi per cui tante cose vanno molto peggio di come dovrebbero.
Ma si può inquadrare l’argomento anche in senso inverso.
Tutti i fenomeni che portano a decisioni sbagliate sono classificabili come forme di Stupidità !!!
E nessuno ha effetti così devastanti come la Umana Stupidità !!!
Quando nel 1996 Giancarlo Livraghi scrisse 1 breve testo in inglese, The Power of Stupidity.
Pubblicato su 1 sito americano, non sapeva di aver messo in moto 1 vicenda, che nel corso degli anni sarebbe cresciuta e si sarebbe estesa in 1° tempo sotto forma di dibattiti e dialoghi in rete, per poi diventare 1 libro, uscito in 1^ edizione nel 2004 con il titolo: Il potere della stupidità.
Da poco è stata riproposta la 2^ edizione che presenta alcuni approfondimenti su vari aspetti di 1 problema che, oltre a procurare fin dalla giovane età dubbi e preoccupazioni al nostro autore, è sempre stato sottovalutato, poco studiato e capito.
Si tratta della stupidità, ovvero, della più grande forza distruttiva in tutta l’evoluzione del genere umano.
Ragionare sulla stupidità vuol dire soprattutto valutarne le conseguenze pratiche ed il lettore, guidato da chi, come Livraghi, allo studio di questo fenomeno ha dedicato tempo, impegno ed energie, possiede ora 1 strumento prezioso.
E soprattutto concreto, per riconoscerne i vari aspetti, prevederne e, nel migliore dei casi, contenerne gli effetti.
Il volume si presenta di facile e scorrevole lettura.
Dopo aver precisato in termini personali l’origine di questo suo interesse, l’autore dedica 1 capitolo a: Stupidità e biologia, per continuare con: Il prevedibile e l’imprevedibile.
E con una serie di leggi, come la nota legge di Murphy, oltre a quelle di Parkinson e di Cipolla.
I numerosi rimandi ad autori e a testi considerati fondamentali sul perché le cose non funzionano, diventano strumenti di conoscenza utili per orientare i nostri comportamenti nella vita di ogni giorno e sul lavoro.
In particolare, il metodo di Cipolla, che valuta la stupidità , e quindi l’intelligenza, in base ai risultati dei comportamenti umani, piuttosto che in base a definizioni teoriche.
E’ utile per la definizione di 1 sintesi grafica basata sulle classiche coordinate cartesiane, il grafico stupidologico, e dei corollari di Livraghi :
1) La stupidità della burocrazia,
2) la stupidità,
3) l’ignoranza,
4) la paura,
5) l’abitudine,
6) la fretta ..
Sono solo alcuni dei capitoli di questo volume che si conclude con citazioni illustri…
E con una serie di antidoti, sarebbe davvero auspicabile che: Il potere della stupidità, diventasse 1 testo obbligatorio in molti ambienti lavorativi e scolastici.
Livraghi precisa molto modestamente nell’epilogo che queste poche pagine non hanno la pretesa di esaminare il problema in tutti i suoi aspetti né di proporre soluzioni che possano liberarci del tutto dal rischio perenne della Stupidità.
Essendo solo 1 Matematico posso scrivere che questo libro è frutto della grande esperienza imprenditoriale e in termini di rapporti umani del suo autore, può essere considerato la sintesi più completa e rigorosa di tutto ciò che di serio si può dire o è stato scritto sulla stupidità.
Offre inoltre numerosi spunti di riflessione e, nonostante la gravità del tema trattato, incuriosisce e può diventare otivo di 1 certo buonumore :-)
Non certo il sorriso che, come si dice, abbonda sulla bocca degli Stolti.
Ma di chi, consapevolmente, si chiede spesso : Sono Stupido…!?
Ed agisce di conseguenza…!?
 

Prosegui la lettura…

Categorie:Società Tag:

Fasem cantar gli osej !!!???

17 Giugno 2008 3 commenti

Fasem  cantar  gli  osej !!!???

Prosegui la lettura…

Categorie:Primo piano Tag: